Il teatro normalizza. Il teatro restituisce dignità.
Il teatro è il miracolo dell’uomo, di creazione e di mutamento. È il miracolo sull’uomo, che mostra a sé stesso tutte le possibilità che può realizzare.

Il teatro è il sogno ad occhi aperti, di un mondo sincero. Dove le maschere sono pronte a cadere. Dove una risata ogni sera può scoppiare. Dove il replay di un dolore, ogni sera, diventa un’armoniosa pace. Dove le gabbie hanno i cancelli aperti. Dove c’è neve tutto l’anno, e pioggia, e sole. Dove l’immortalità è la normalità. E la realtà rinuncia a sé stessa, per sognarsi.
Dove il viaggio non raggiunge solo una meta, ma tante destinazioni. Anche impreviste.

E tu, persona, umano, ti senti meno piccolo. Meno solo. Meno diverso.
Perché il teatro include. E in poco spazio accoglie l’universo. E, forse, oltre. L’altrove.

Foto: Teatro Imperiale, Guidonia – 2021 (copyright Anna Giuffrida)

2 pensieri su “Vita parallela

  1. Amo il teatro da spettatore. Mi affascina il tuo modo di descriverlo dalla parte del palcoscenico, ma non riuscendo ad immaginarmi attore, rimane un mistero. Il tempo è tiranno avendo scelto strade diverse non si possono vivere determinate esperienze.

    Piace a 1 persona

    1. Il tempo non dobbiamo considerarlo nemico dei nostri progetti. A volte bisogna solo provare a ritagliarsi un piccolo angolo. E se ti piace l’idea, spero tu ci riesca perché è una risorsa il teatro 😊
      Grazie della lettura, Daniele.
      E un caro saluto!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...